Archivi tag: definizione

DOMANDE E RISPOSTE SUL FUNDRAISING 30 giorni di blog

tabelloni.jpg 

Oggi Fare Fundraising compie 30 giorni. Ecco alcuni numeri:

  1. 28 post pubbblicati
  2. 23 commenti
  3. circa 2000 visitatori
  4. i primi 10 post più letti:
    1. CHI SONO
    2. SMS SOLIDALI
    3. DONA ORA
    4. COS’E’ IL FUNDRAISING PER ME
    5. IL BELLO DI COPIARE NEL FUNDRAISING 
    6. CAMPAGNA LASCITI #2 il piano promozionale
    7. FUND RAISING ON LINE # consigli pratici
    8. FUNDRAISING TV
    9. AVVIARE UNA CAMPAGNA LASCITI alcuni consigli fondamentali
    10. DIRECT MAIL E FUNDRAISING #2 il copywriting

Il mio post preferito? “Cos’è il fundraising per me”.

Il futuro di questo blog? Continuare sulla strada della condivisione della conoscenza e scrivere sempre di più su argomenti di vero interesse per i lettori, approfondendo giorno dopo giorno i tanti temi trattati, sperando di portare valore aggiunto a chi desidera fare fundraising in modo sempre più professionale e appassionato.  

Per questo adesso vi chiedo una mano: se volete che tratti un argomento specifico,  se avete una domanda su un tema in particolare, scrivetela qui di seguito nei commenti, vi risponderò e darò così vita a una nuova categoria “domande e risposte sul fundraising” che sarà utile a tutti noi, sperando che altri professionisti decidano di volta in volta di contribuire alla qualità della risposta attraverso un commento diretto.

Grazie di essere venuti in così tanti sul mio blog fino ad ora!

Francesco

PS: “Questo mondo è tenuto insieme da vincoli d’amore e di dedizione. La storia non registra i quotidiani episodi d’amore e di dedizione. Registra solo quelli di conflitto e guerra. In realtà, comunque, gli atti d’amore e generosità, a questo mondo, sono molto più frequenti dei conflitti e delle dispute.”  Gandhi.
Il Fundraising ha a che fare con questo, fa nascere la voglia di donare, di essere generosi. 

LE SFIDE DI UN FUNDRAISER

Representatives from the Rockefeller Foundation and the Rockefeller Institute visited Peking Union Medical College in the early 1920s. At center, with the goatee, is William H. Welch. Next to him, holding the hat, is John D. Rockefeller Jr. 

di John D. Rockefeller, Jr
Il metodo migliore per imparare a conoscere il fund raising porsi la domanda: “Come vorrei che mi fosse chiesta una donazione?”  La risposta, se accuratamente ponderata, può rivelarsi una guida affidabile e piuttosto sicura al processo di sollecitazione.
Mi è sempre stato insegnato, e la convinzione continua a crescere in me, che bisogna dedicarsi alle donazioni nello stesso modo avveduto con cui si trattano gli investimenti, e che le donazioni vadano valutate con gli stessi acuti standard. Che i dividendi che possiamo ricavarne siano in dollari oppure in termini di miglioramento dell’umanità, dobbiamo  comunque essere certi che la donazione o l’investimento siano saggi e, per questo, dobbiamo sapere tutto di essi.

Analogamente, se ci rivolgiamo a una persona per interessarla a donare a favore di una particolare iniziativa, dobbiamo essere in grado di darle informazioni adeguate in proposito, quelle informazioni che noi stessi vorremmo se stessimo pensando di fare una donazione.

Innanzitutto, allora, chi chiede una donazione deve essere ben informato sui fatti salienti che riguardano l’iniziativa per cui viene richiesto il contributo del donatore. Qual è il significato, qual è l’importanza della nostra iniziativa? Qual è la qualità dell’azienda non profit che la promuove, qual è il suo livello di pianificazione? Quanto è forte il bisogno di donazioni? Continua a leggere