REPORT NID 2013 – scarica la ricerca “gli italiani e il fundraising”

Ken Burnett_ NID 2013“Cover your wall with inspiration”. Questo uno dei tanti pensieri che Ken Burnett ha condiviso durante il Non Profit Innovation Day – 2013 di Milano.

L’edizione di quest’anno è stata molto partecipata e ricca di interventi di grande valore.

Ken Burnett ha ricordato quanto il fundraising sia di per se un paradosso: significa “raccolta fondi” ma in realtà il centro di tutte le attività è nella relazione con i donatori, non nei soldi “che sono sempre un mezzo e mai il fine”. E Ken ha insistito anche su quanto sia importante capire e conoscere i donatori e non affidarsi a un rapporto standardizzato, facendosi spesso e con sincerità la domanda “perchè una persona deve sostenere proprio la mia organizzazione? Cosa sente dentro quando dona?”. Far sentire bene un donatore è fondamentale, e si può cominciare dalle parole: grazie, sogno, coraggio, tu, insieme, … E’ così che si passa da il fundraiser percepito come un “marketer”, un venditore professionista a un “life changer”, una persona in grado di migliorare la vita di una persona.

Ed è proprio su questa lunghezza d’onda che Gianandrea Abate di Emotional Marketing ci ha parlato di quanto sia “semplice” il cervello umano…se lo conosci! Le reazioni emotive governano anche le scelte di acquisto (e di donazione): colori, suoni, lettere, naming: legare tutto nel modo giusto alla causa e destinarlo all’audience giusto fa una differenza abissale. Per esempio…Qual è la vocale che “puzza” di più? Se avete pensato la U siete in compagnia del 90% degli esseri umani. Non userei la U per una campagna per salvare l’ambiente…

Karim Bartoletti di Filmmaster ha mostrato quanto stia cambiando il mondo della comunicazione e che il cambiamento coinvolge anche il mondo del sociale e della raccolta fondi: non è necessario comunicare a 360° ma comunicare al meglio e all’audience giusto, nel momento giusto: qui un esempio concreto http://dumbwaystodie.com/ . E infine Federica Bandini e Giuliana Baldassare della SDA Bocconi hanno mostrato quanto il change management sia fondamentale per cambiare le cose “davvero” nel mondo nonprofit.

Durante il NID è stata presentata da me la ricerca “Gli italiani e il fundraising”. 

La ricerca, realizzata da IDMC con la collaborazione della società Telesurvey Italia, fotografa per la prima volta il variegato mondo dei donatori (solo donatori, non un campione rappresentativo della popolazione italiana).

Ne esce un quadro dove la fedeltà al dono, l’impegno verso il prossimo in difficoltà e la propensione a farlo più volte, sono caratteristiche forti che delineano nettamente questo gruppo sociale, senza però particolari differenze di genere e di istruzione. La motivazione principale di donare (il 93% del campione) nasce dal desiderio profondo di aiutare chi ha bisogno. Il 27 % aggiunge di sentire un senso di identificazione e il 19% prova un sentimento di appagamento morale.

L’impegno dei donatori italiani è indispensabile per consentire la coesione sociale, per rispondere ai problemi dei più deboli e per dare forza al cambiamento.È una grande scelta di responsabilità sia da parte di chi dona che di chi riceve, in primis le organizzazioni nonprofit.

Un aspetto particolare che emerge dall’indagine è che, pur in presenza di un gruppo omogeneo e molto coinvolto nella solidarietà verso il bisogno, il tema attuale del “testamento solidale” resta sconosciuto a ben 7 donatori su 10, e che 8 su 10 non intendono sottoscriverne uno.

Ma nel contempo oltre il 90% dei donatori dichiara di voler continuare a sostenere le cause sociali che sente più vicine e, in caso di maggiore disponibilità economica, il 62% è disposto a donare di più a fronte però di maggiore trasparenza e rendicontazione. 

clicca qui per scaricare la ricerca completa.

Grazie a tutti i relatori e ai partecipanti! Ci vediamo al NID 2014!

Il Fundraiser è un life changer…mi piace. 

DSC_0317

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...