VADO VIA, RESTO QUI

Vado via perchè il non profit in Italia è troppo diviso e litigioso

Resto qui perchè voglio vedere quando smettono di litigare e fanno sistema (vedi tariffe postali…)

Vado via perchè in Italia tutti donano con gli sms solidali 2 euro e si sentono dei grandi donatori

Resto qui perchè prima o poi chi dona con un sms potrà a fare un bonifico o una donazione con carta di credito…dal telefonino!

Vado via perchè nessuno sa dire fandreising

Resto qui perchè è troppo bello sentire dire fundreising, fussreising, funraisin, ….

Vado via perchè il fundraiser è visto come un rompipalle che non si capisce bene cosa faccia e non ha nessun riconsocimento sociale

Resto qui perchè è bello essere pionieri di una professione meravigliosa e darle dignità

Vado via perchè tanto tutti donano o alla chiesa, o all’amico sotto casa o non donano prorpio…

Resto qui perchè se lavori sull’incontro di valori tra le persone  il fundraising cresce “da solo” anche in Italia

Vado via perchè il 5 x 1000 è una presa per il culo a tutto il settore nonprofit che dura da anni…

Resto qui perchè il 5 per mille sono soldi della società civile e non del ministro dell’economia. E non glieli lasciamo!

Vado via perchè quando Striscia la notizia becca qualche truffatore subito dopo tutti pensano che il non profit sia una banda di deliquenti…

Resto qui perchè è bello vedere quante poche siano le mele marce nel nostro settore

Vado via perchè gli stipendi e i contratti nel non profit sono sempre più bassi del profit

Resto qui perchè prima o poi saremo tutti assunti a tempo indeterminato e con pari stipendi. Ok…vado via!

Vado via perchè i fundraiser non fanno “gruppo”

Resto qui perchè voglio contribuire a fare gruppo, e aiutare la cultura della donazione a crescere e, così, a sostenere il cambiamento e il miglioramento di quello che mi sta intorno. Ok….resto qui!

E tu?

4 risposte a “VADO VIA, RESTO QUI

  1. Vado via perché in Italia i fundraiser stentano ad intraprendere esperienze innovative di raccolta fondi.

    Resto perché le realtà straniere ci forniscono moltissime esperienze alternative di successo da poter sperimentare in Italia, basta solo aver voglia di mettersi in gioco.

    Vado via perché molti credono che sia sufficiente aprire un profilo su Facebook (o in altri social network) oppure acquistare un indirizzario di contatti mail per risolvere ogni problema in tempi di crisi.

    Resto perché i social network permettono di creare un rapporto profondo, trasparente e duraturo con i propri sostenitori in grado di arginare la perdita di fiducia nell’operato delle organizzazioni non profit.

    Io ho deciso di restare!

  2. Restare e resistere, resistere, resistere perchè voglio esserci quando coloro che da anni non sanno far fare sistema al fundraising e al nonprofit (però “lavorando nel nonprofit fanno del bene”…) se ne saranno andati in pensione o si saranno dati ad un’altra professione.

  3. Reisistere resistere resistere, sempre e comunque. Se necessario fare un millimetro al giorno, come fanno i cinesi, che guarda che bocciolo ci hanno fatto.

  4. I cinesi diversamente da noi come paese avevano ed hanno unione di intenti e voglia e sete di sviluppo, la loro forza risiede nel numero e nell’unione quindi. Io mi chiedo: abbiamo in Italia queste componenti?

    Io pensavo qualche anno fa: “andare per poi tornare”….come dice Renzo Piano, ed e’ quello che credo anche io.
    Pero poi vedi una professione come la nostra esser sminuita e calpestata da concezioni ottocentesche su un settore (che e’ invece motore dell’assistenza sociale di ogni democrazia avanzata), e capisci che senza alcuna rivoluzione culturale (in tutto e per tutto), in Italia, sara’ di piu il tempo speso a frustazioni per l’inefficienza di un sistema intero (per non parlare di altre sfere come preconcetti e illegalita’ istituzionale) rispetto a quello da investire per lo sviluppo del NonProfit e della professione in se, altrove ben remunerata poiche semplicemente ricosciuta l’ efficacia.

    Detto cio’, dico anche che “fuori” non e’ meglio…..”tra le mele marce” nel settore caro Francesco, spesso invece ci si perde…….”fuori” forse e’ semplicemente diverso il concetto di meritocrazia e di rispetto verso chi realmente lo merita… semplicemente vi e’ un ufficiale riconoscimento di cio che REALMENTE apporta valore ad un Paese, valore inteso nell’ accezione olistica del termine.

    Io invece vado via….me ne andro via di qua…e ritornero’ piu prima che poi nel paese che mi ha concepito, per resistere con voi e provare a innovare “l’innovabile” , fare “gruppo” e contribuire con quel che si puo’, ai cambiamenti per lo sviluppo del fundraising e del settore in Italia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...