FUNDRAISING ON LINE #3 blog, fundraising 2.0 e media

home-just-giving.jpg

Navigando in questi giorni mi sono imbattutto in 3 post davvero interessanti sul fundraising on line e il social networking.

L’irrinunciabile articolo di Paolo Ferrara sul suo blog Fundraising Now, da leggere e cliccare, utile soprattutto per capire le enormi potenzialità del “personal fundraising” e del web, tutte ancora da sfruttare in Italia. Grazie Paolo, sei sempre 10 minuti avanti! (Se volete scoprire di più sul “fundraising 2.0” clicclate qui, sempre dal blog di Paolo).

Grande articolo da Donor Power Blog su come un’organizzazione nonprofit dovrebbe impostare il proprio blog e coinvolgere così potenziali donatori e volontari. Ecco 4 punti fondamentali:

  • Scrivi storie sui donatori e su cosa li ha spinti a donare.
  • Inserisci posts sui donatori che si sono imbattutti direttamente nelle attività dell’associazione.
  • Pubblica storie appassionanti sulle attività dell’organizzazione, strettamente collegate alla generosità dei donatori.
  • Lancia posts che sono “calls to action” (per le donazioni, il volontariato, le campagne di sensibilizzazione, ecc.) per fare andare avanti tutti i progetti in corso.
  • …e 25 consigli pratici da leggere qui

Per leggere tutto il post vai qui.

Infine è molto interessante l’articolo di Nancy E. Schwartz sul blog Getting Attention in merito alle abitudini mediatiche della fascia di età 12-24 e 25-50 e su come può impattare sulle attività di marketing della tua organizzazione nonprofit.

Eccone alcune, in sintesi:

Audience 12-24

  • Non leggerà mai un giornale cartaceo, ma sarà attratto da alcune riviste
    • quindi se vuoi interagire con questo target non usare la carta stampata..
  • Non possiedono un telefono fisso
  • Sono poco interessati alla TV, sempre di meno
    • gli spot TV  non funzionano, a meno che non siano aprte della trasmissione
  • Si fidano molto di più dei loro pari che degli “esperti”
    • non ignorare il social networking!
  • Tutto si muoverà verso il “mobile”
  • Usano “IM” (messenger) e pensano che l’e-mail sia per i loro genitori…
  • ….

Audience 25-54

  • Continuano a leggere giornali e riviste cartacee
  • Apprezzano il cellulare per la voce (poco per i dati) ma non immaginano il loro mondo sul “mobile”
  • Le community sono importanti come risorse. meno per la socializzazione.
  • Si fidano più degli esperti sulle informazioni effettive masi fidano dei pari per ottenere informazioni su viaggi, oggetti, ecc.
  • Tengono molto alle risorse di notizie e informazioni on line
  • Sono grandi utilizzatori di e-mail

Queste alcune evidenze che possono essere davvero molto utili per capire come interagire e costruire relazioni positive con i potenziali donatori in base alle loro abitudini mediatiche. La ricerca è stata condotta dal Center for Digital Future .

2 risposte a “FUNDRAISING ON LINE #3 blog, fundraising 2.0 e media

  1. Pingback: FUNDRAISING ON LINE #4 tre semplici opportunità dal web + una « FARE FUNDRAISING

  2. Pingback: MEDIA & FUNDRAISING la nuova via dell’interazione « FARE FUNDRAISING

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...