FUNDRAISING ON LINE #1 consigli pratici per cominciare

 
Fare fundrasing on line significa, ovviamente, utilizzare il web e tutti i suoi strumenti per coinvolgere e convincere le persone a donare.  Ed è proprio il sito web di un’organizzazione il punto di partenza e il centro costante delle azioni di raccolta fondi on line.

Per ritornare a un post scritto qualche giorno fa sulla bellezza di copiare nel fundraising, quando ho dovuto avviare un nuovo sito di un’organizzazione o aggiornarne uno esistente di solito:

  1. guardo cosa fanno gli altri e cosa mi piace, specie i concorrenti diretti    
  2. creo un elenco di siti preferiti, mi iscrivo alle newsletter e cerco di visitarli regolarmente
  3. non mi fermo mai all’Italia, ma navigo anche all’estero, specie in Inghilterra e negli Stati Uniti alla ricerca di idee innovative

Tengo sempre presente che il fundraising on line è sempre fundraising (marketing) con delle regole ben precise:

  1. le persone donano alle persone, anche on line. Non al sistema di pagamento on line.
  2. se non chiedo non ricevo. Se non inserisco in home page il tasto “dona ora” in grande evidenza, commetto un errore.  
  3. devo essere chiaro, immediato e preciso. Pochi click (nessun click!) tra me e il modulo di donazione!
  4. devo convincere le persone a donare, essere persuasivo. Il web ha degli strumenti straordinari per questo…video, immagini dinamiche, flash, audio, …
  5. la sinergia è indispensabile. Cerco sempre di integrare lo stile, la comunicazione e le campagne di fundraising off line con il sito web.
  6. oltre a chiedere di donare, devo chiedere l’e-mail (subito) e tutti gli altri dati possibili (in seconda battuta) ai miei visitatori
  7. devo avere pazienza e testare, testare, testare per capire cosa funziona meglio.
  8. devo sapere che le donazioni on-line hanno una loro specificità, legata al profilo degli internauti e ai vincoli tecnici (come l’utilizzo della carta di credito) e quindi devo adattarmi sempre a questi vincoli, ad esempio garantendo “sicurezza” nella transazione.   

Sull’argomento leggete anche il post su fundraising.it e questo articolo molto efficace di Seth Godin . Sul tema discutono spesso e molto bene Paolo Ferrara su Fundraising Now (il guru italiano del fundraising 2.0!) e Daniele Fusi su Diario di un fundraiser, ma prima di affrontare il fantastico mondo del personal fundraising e del social networking, controllate bene dove si trova il tasto “dona ora” nella vostra home page!

Se volete vedere un sito davvero orientato al fundrasing andate su www.operationsmile.com (USA) e www.christianaid.org.uk . Un efficace esempio italiano? www.emergency.it

Let’s fundraising for good!

PS: il prossimo post sul fundraising on line sarà su “come fare campagne efficaci di fundrasing on line”. Un vero rompicapo…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...